Abbiamo provato FIFA 23, altro che addio: EA guarda al futuro

Arti elettroniche si prepara a dire addio alla serie FIFA dopo quasi 30 anni di gestione dei diritti sul marchio; non si sa ancora che fine farà il nome FIFA a partire dal prossimo anno, ma quello che è chiaro è che EA non ha titolo per concludere la sua esperienza con un stanco e svogliatoalmeno stando tutte le premesse iniziali.

D’altronde questo non è neanche nel suo interessatodal momento che tutto il know-how acquisito in questi anni verrà riversato interamente in EA Sport FCil titolo calcistico che Electronic Arts proporrà alla fine del 2023 per la stagione ’23-24, motivo per cui FIFA 23 non è affatto un capitolo di addio del team alla serie, ma solo l’ultimo tassello di un percorso pronto a rinnovarsi in un’esperienza che con tutta probabilità sarà in forte continuità con quella attuale.


FIFA 23 Sar


Giochi
11 mag

Ma questo è ciò che riguarda il futuro a medio termine dell’azienda: che dire invece per quanto riguarda quello imminente? Sì perché prima di passare a EA Sports FC c’è un FIFA 23 ormai vicino ai nastri di partenza, che abbiamo avuto modo di testare per qualche giorno con una prima build del gioco che punta a mettere in risalto le principali in novità in arrivo quest’anno. Andiamo a vedere di cosa si tratta.

Nota: tutte le novità discusse non la versione Switchla quale continua ad essere la classica Edizione Legacy Basato sul motore grafico delle vecchie edizioni PS3 e Xbox 360. Le modalità rispecchia di gioco e le caratteristiche quelle delle passate generazioni e l’unica novità l’aggiornamento delle rose e delle divise.

IPERMOZIONE 2, CALCI PIAZZATI E POWER SHOT



Lo scorso anno siamo passati all’introduzione della tecnologia HyperMotionun nuovo sistema in grado di generare animazioni più realistiche e credibili grazie al machine learning e all’ottenimento di dati attraverso una speciale attrezzatura utilizzata in phase di sviluppo del gioco, la quale ha permesso a EA di catturazetuiche de digitaleleizzare campioni in carne ed ossa , riproponendole con un ottimo livello qualitativo all’interno delle versioni current gen (quindi PS5 e Xbox Series X|S) del gioco.

Al momento non possiamo entrare troppo nel dettaglio di tutte le novità legate ad HyperMotion 2ma ci sono alcuni aspetti che è bene trattare sin da subito per capire la direzione generale verso cui si è mossa EA con FIFA 23: il raffinamento e la pulizia di quanto di buono c’era nelle precedenti versioni del gioco, il accompagutnantodo con il accompagnare l’implementazione di diverse correzioni richieste a gran voce dalla community.


Sin da subito e quindi chiaro che non ci troviamo davanti al capitolo che rivoluzionerà completamente l’esperienza di FIFAbensì davanti ad uno che punta a consolidare le basi. Per questo motivo, elementi come l’HyperMotion 2, ad esempio, ora presentato più maturi e in grado di parlare ad un pubblico più ampio, grazie all’introduzione del sistema anche nella versione PC del gioco. Lo scorso anno, infatti, FIFA 22 su PC offriva tecnologia con le versioni PS4 e Xbox One, mentre quest’anno i giocatori PC andranno a braccetto con quelli della generazione di console attuale.

Questo correva chiaro vieni la tecnologia HyperMotion, in particolare questa versione 2, non sia più un elemento marginale e opzionale di FIFA, bensì è stata promossa a vera e propria base della futura esperienza di gioco. Le principali novità – semper senza troppo nel dettaglio – riguardano il maggior numero di acquisire sugli atleti nella fase di acquisizione dei dati e degli atleti miglioramento degli algoritmi di machine learning che ora politica di rimborso un comportamento molto più realistico dei giocatori in campo e degli elementi con cui interagiscono, il pallone su tutti.


Il gameplay di FIFA 23 si arricchisce anche di novità in grado di incidere direttamente sul modo in cui affronteremo la partitaa cominciare dalla nuova gestione dei calci piazzati e dei rigori. Il giocatore avrà infatti maggior controllo sugli effetti dei tiri anche grazie alla possibilità di indicare il punto in cui dovrà essere colpito il pallone, in modo da imprimere un effetto diverso alla traiettoria del tiro. Arriva anche un nuovo sistema che richiede la pressione del tasto di tiro con il giusto tempismo, seguendo l’andamento di un indicatore che si espande e restringe attorno al pallone: ​​​​minore sarà l’area quando si premergioere il tasto, la precision tiro e la possibilità che finisca in porta.

Sempre per quanto riguarda i tiri, con FIFA 23 arrivano anche gli inediti Power Shotdei veri e propri specialità tiri che è possibile effettuare premendo i tasti dorsali in aggiunta a quello usato usato per calciare. domanda presenta la spettacolarità del gioco e introduce un livello di tiro più potente della normatuttavia sono bilanciati da alcuni fattori che non li rendono esageratamente devastanti (almeno per quanto abbiamo avuto modo di vedere sino ad ora). Uno dei fattori da tenere in considerazione il tempo aggiuntivo richiesto dal Power Shot per essere eseguitoquindi ciò significa che gli avversari hanno una finestra aggiuntiva in cui poter tentare di recuperare il controllo del pallone.

ARRIVA IL CROSS PLAY COMPLETO



Un’altra delle novità di FIFA 23 riguarda l’implementazione del cross play completo all’interno della stessa generazione, quindi i giocatori su PS4 e Xbox One potranno giocare tra loro senza alcun problema, così come quelli PS5, Xbox Series e PC. Ciò riguarda esclusivamente le modalità 1v1 ma include FUT, le amichevoli e le stagioni, le quali ora potranno essere giocate online sfidando un maggior numero di avversari, dal momento che la piattaforma diventa irrilevante.

Come annunciato, l’unico distinguo riguarderà la tecnologia utilizzata nella versione giocata, motivo per cui le console di vecchia generazione vivranno in una bolla a sé, mentre i giocatori PC potranno unirsi al coro della next gen grazie all’implementazione di HyperMotion 2 anche in questa versione del gioco, fatto che apre al cross play tra PC, PS5 e Xbox Series X|S, una differenza dello scorso anno. Ciò significa che la community di FIFA non sarà più divisa per piattaformama solo in base alla tecnologia presente nella versione giocata, con un grande vantaggio per tutte quelle community che in precedenza devono fare i conti con una base installata inferiore.

COPPE DEL MONDO: C’ANCHE QUEELLA FEMMINILE



L’ultimo FIFA di EA si presenterà all’appuntamento del 30 settembre (val 27 per l’accesso anticipato della Ultimate Edition) con una delle più offerte fisse di contenuti nella storia del franchising. A sorprendere non sono solo i numeri altisonanti comunicati da EA in sede di presentazione stampa del gioco – oltre 19,000 giocatori, 700 squadre, 100 stadi e 30 grosso focus -, ma anche il posto posto da Electronic Arts nell’inclusione del calcio femminile, vera e propria novita di questa edizione.

Ovviamente questa non è la prima volta che il calcio femminile sbarca su FIFA, ma mai come quest’anno lo farà con un’offerta contenutistica particolarmente particolare, dal momento che sarà inclusa anche la Coppa del Mondo FIFA Australia e Nuova Zelanda 2023oltre alle ormai sempre più prestigiose Super League femminile Barclays e Divisione 1 Arkema, rispettivamente la massima competizione femminile inglese e francese Questo significato che 23 vedrà anche l’inizio dei primi club professionistici femminili, andando quindi ad esplorare a tutto tondo l’altra metà del mondo calcistico che negli ultimi anni sta riscuotendo sempre maggior successo.


FIFA 23: il calcio femminile torna sulla copertina dell'Ultimate Edition


Giochi
19 Lug

Per quanto riguarda le sfide maschili, invece, ricordiamo che FIFA 23 includerà anche la Coppa del Mondo maschile FIFA Qatar 2022, UEFA Champions League, UEFA Europa League, UEFA Europa Conference League, la Serie A, CONMEBOL Libertadores, CONMEBOL Sudamericana, Premier League, Bundesliga e LaLiga Santander. Nell’edizione di quest’anno pesa particolarmente la concomitanza con le due Coppe del Mondo, le quali saranno oggetto di eventi speciali che arriveranno tramite aggiornamenti gratuiti, i quali riguarderanno diversi aspetti del gioco e – ovviamente di carte l’uviamente – an anno .

EA GUARDA GI AL FUTURO



Il pacchetto proposto da FIFA 23 è sicuramente il più interessante degli ultimi anni, sia per quanto riguarda l’affinamento tecnologico della piattaforma – e l’HyperMotion 2 non è l’unica novità di rilievo, ma ne parleremo in un secondo momento -, che per la vastità dell’offerta dei contenuti proposti. EA stand confezionando un titolo che non vuole in alcun modo lasciare delusi i fan della serie, nonostante si tratti del suo alla fine di FIFA; l’impressione è anzi quella di voler osare un assaggio di cosa potrà continuare ad offrire con i suoi prossimi titoli calcistici una volta che il brand non sarà più in mano sua.

La perdita di un nome blasonato come FIFAinfatti, può essere contrastata solo da una dimostrazione di forza nei confronti del pubblico e della concorrenza e non è un caso vedi tutte le novità più importanti – compresi alcuni importanti ritorni – siano inquadrati in un’ottica di lungo periodo, come ad evidenziare che quello che e giocheremo con FIFA 23 è destinato a far parte del DNA di EA Sports FC.

Ma questo sarà un tema da affrontare in futuro: per il momento non possiamo che guardare con curiosità alla versione completa di FIFA 23 – ricordiamo che sarà disponibile dal 30 settembre -, in attesa di potervi parlare in maniera più delle molte svelate.

Leave a Comment

Your email address will not be published.