Airon, parla italiano la nuova turbina eolica autorotante

Oggi esistono diversi tipi di turbine eoliche, sia per piccole che per grandi produzioni di energia. Le pale (o le eliche) si muovono generalmente in un’unica direzione: vertical o orizzontale. Questo comporta una limitazione intrinseca di questi dispositivi: in una turbina eolica tradizionale la direzione del vento può ridurre l’efficienza energetica.

Non è tutto: per le turbine con eliche che ruotano verticalmente c’è la necessità di altezze significative per motivi strutturali (anche se oggi sono in corso esperimenti ad altezze più basse, puntando sul taglio dei costi degli aparati material).

Per ovviare a questo problema Aldo Benincasa, progettista a esperto in prototipazione di brevetti industriali, ha concepito e registrato il brevetto per una nuova tipologia di turbina eolica. L’ha chiamata Airon, immagino per la particolare forma delle pale, che a me ricordano quelle dell’elegante volatile. È la prima turbina eolica a geometria variabile studiata e brevettata nel nostro paese. Ho fatto due chiacchiere con lui.

airon turbina eolica autorotante

Come è nata quest’idea di turbina eolica multipala “autorotante”?

L’idea mi è venuta partendo dalla concezione degli ultimi alettoni delle supercar che hanno dei movimenti a geometria variabile. L’alettone della hypercar “ZENVO TSR-S” che si muove su due assi di rotazione per assumere la migliore angolazione possibile, a seconda dell’angolo con cui si affronta una curva e della velocità di ingresso. Questo mi ha fatto pensare che anche nel mini/micro eolico si possa studiare un sistema ad hoc per rendere più efficiente.

Se ci riferiamo ai sistemi esistenti, infatti, ogni mini/micro eolico ad asse verticale contiene in sé anche un piccolo “freno” alla sua dinamica. Dato che la rotazione avviene solo in un senso è la pala più attrito a prevalere sulle altre e con conseguente rotazione. È chiaro che questo riduce sensibilmente l’efficienza energetica, proprio perché “una pala frena l’altra”.

Questo sistema innovativo bilanciato perfettamente le due pale della stessa elica in modo che addirittura ventosità, addirittura anche a 2m/s il sistema riesce quasi ad annullare l’effetto negativo della resistenza della pala opposto che di sistemi offre una maggiore resistenza), conferendo un il migliore apporto energetico alla pala che sfrutterà al meglio il ricavo energetico.

La Zenvo TSR-S, che ha ispirato lo sviluppo di questa turbina eolica

Qual è l’efficienza di questo sistema?

Attualmente stiamo ancora ottimizzando le il, perche stiamo ancora perfezionando il progetto sul piano dell’abbattimento acustico. Abbiamo notato che posizionando le pale sia in verticale che orizzontale si riduce sensibilmente anche l’effetto “frutto” del vento, tipico delle superfici inclinate.

Ritengo che il micro-eolico “AIRON” ad eliche autorotanti possa essere impiegato per una produzione a partire da circa 500/600 Watt/ora nel caso di piccole dimensioni (intorno a 1,40m/1,50m con un peso di10kg circa) da sperimentazioni su prototipo. Il sistema però può trovare impiego anche per eolici di media dimensione (dai 2 ai 5 metri) in quanto ciascuna elica è monolitica e quindi di una ottima robustezza pur ruotando di un quarto di giro tramite congrui sistacasemiist ​​​​di relcusaticine (questa soluzione raggiunge già risultanti anche con venti monto deboli, nell’ordine di 2 m/se quindi può essere affiancato ad un impianto classico fotovoltaico o pannello solare con un efficienza 24h su 24h).

Doppia direzione, più efficienza

Quando Benincasa ha iniziato le ricerche per la sua turbina eolica aveva un obiettivo chiaro in mente. qualità? Sviluppare un sistema a geometria variabile che sfruttase molto meglio l’energia eolica. Un sistema più piccolo a parità di prestazioni, in grado di ottenere meglio anche dai più piccoli spostamenti d’aria, con una maggiore facilità di costruzione e costi di produzione più bassi. Ciao detto niente. Il tempo ci dirà se ha ragione, ma intanto il sistema c’è, ha un brevetto, e il suo funzionamento viene dallo stesso Benincasa in questo video.

Quali applicazioni può avere questa turbina eolica?

La tipologia della struttura, le dimensioni contenute e la capacità di catturare il vento da ogni direzione rende Airon piuttosto versatile e di facile installazione. Oltre a candidarsi come “eolico domestico” (per la forma potrebbe tranquillamente sostituire le vecchie antenna della tv, che stanno sparedo) può fare la sua parte anche su veicoli e natanti.

Benincasa è già in trattative con una Società per azioni italiana ed una azienda per la produzione. Non mi resta che seguire gli sviluppi di questa stimolante proposta tutta tricolore.

turbina eolica multipala
Un render che mostra l’uso della turbina eolica multipala autorotante Airon anche su una barca.

Leave a Comment

Your email address will not be published.