Allegri deve cambiare la Juve

TORINO – La sfortuna non è prevedibile e spesso si accanisce nel modo peggiore: la Juve del rilancio poggia le basi sulla qualità e l’esperienza dei nuovi acquisti, sulle magic di Angelo Di Maria e sulla voglia di rivincita di Paul Pogbag. Ma una delle due colonne si deve fermare e l’infortunio inesorabilmente modifica i piani bianconeri a vari livelli. Massimiliano Allegri non è tipo che si lascia travolgere dagli eventi: pragmatico, prende atto e guarda avanti, sfruttando le risorse a disposizione. Ma qualcosa cambia. Per esempio la situazione di Adrian Rabiot, il cui desiderio di cambiare aria verrà frenato dalla dirigenza juventina, perché a questo punto ancor più indispensabile in questa prima parte di stagione senza Polpo, da mezzala sinistra o anche sulla larga fascia. ora il francese è in ritiro con la Juve Under 23 nel bergamasco e ieri si è regolarmente allenato agli ordini del tecnico Brambilla ed è parso piuttosto sereno, anche con foto social nella compagnia dei ragazzi dell’U23 (che chiama “i miei ragazzi” in una storia di Instagram). Trattenere Rabiot a questo punto diventa fondamentale, perché a volte le porte scorrevoli del destino possono rivoluzionare una stagione: l’ex Psg, che non è andato negli Stati Uniti in tournée per motivi personali non valigia a confortunie, più legatiaval daenrczato mercza la valigia in mano una prima opzione per sostituire il connazionale. Restano aperte le domande contrattuali che Rabiot è in scadenza di contratto a giugno 2023 con scadenza 7 milioni netti di scadenza all’anno ei dati impostati sul rinnovo non sono stati nemmeno impostati. Ma, anche in questo caso, gli scenari in continua evoluzione possono cambiare pure le strategie di mercato.

Juve, Pogba ko: la reazione dei tifosi sui social

Guarda la galleria

Juve, Pogba ko: la reazione dei tifosi sui social

Centrocampo Juve, le esigenze di Allegri

Intanto Allegri deve fare i conti con esigenze tecniche e numeriche nel reparto. L’infortunio di Pogba non cambierà il destino degli esuberi: è notizia di ieri la risoluzione contrattuale con Ramseymentre per Artù è solo questione di trovare l’incastro giusto per la cessione. Gli altri centrocampisti non si muovono (a meno di citazione irrinunciabili che non sembrano all’orizzonte al momento) e anzi la Juve può resistere su Leandro Paredes: al Conte Max serve per dare un’alternativa a Manuel Locatelic in cabina di regia e anche per poter eventualmente sganciare l’azzurro da incursore. Con l’argentino le rotazioni in mediana fornire complete ea quel punto, pur nell’insostituibilità di un elemento come sarebbe Pogba, il reparto a posto sarebbe: aumenterebbe l’importanza di Weston McKennie, al quale Allegri chiede un ulteriore salto di qualità in questa stagione. Stesso messaggio per Denis Zakaria: lo svizzero dovrà sgomitare per un posto. E alle spalle dei titolari crescono i giovani: Allegri li segue in ritiro e, a fronte del problema fisico di Pogba, può decidere di congelare le uscite in prestito. Su tutte quelle di Nicolò Fagioli, nella passata stagione a titolo temporaneo alla Cremonese (con promozione in Serie A) e adesso sempre più vicino alla conferma con tanto di rinnovo contrattuale. Serviranno ancora altri appuntamenti tra la dirigenza bianconera e gli agenti del giocatore, ma la strada è tracciata. E rimarranno pure i 2003 Miretti e Soulé.

Juve, Pogba sarà visita da un luminare

Guarda il video

Juve, Pogba sarà visita da un luminare

Allegri dovrà disegnare una Juve diversa

Allegri dovrà affrontare la partenza della nuova stagione, delicata considerando il calendario compresso per il globale, senza poter contare sulla versatilità di Pogba e dovrà disegnare così una Juventus differente con la mediana a tre come base sulla quale lavorare e riferimento tattico, ma con l’idea di poter variare sistema in corso d’opera aavdatistictanariohe di all’ turn e all necessità tecnico-tattiche. In questo senso arrivare a paredes è fondamentale per avere un punto di riferimento davanti alla difesa in grado di dettare i tempi e far girare velocemente il pallone. Il tecnico livornese insiste sulla rapidità dei passaggi e sulla verticalità, per non perdere un tempo di gioco: l’assenza di Pogba peserà, ma la Juve ha le armi per affrontare l’emergenza.

Pogba ko, lesione al menisco

Guarda il video

Pogba ko, lesione al menisco

Leave a Comment

Your email address will not be published.