Caro Giuseppi, non c’entravi niente col Movimento ma adesso tocca a te ricostruirlo

di Maurizio Contigiani

Carol Giuseppi, non c’entravi quasi niente col Movimento Cinque Stelle. Eri bello (lo sei ancora), elegant, con incarichi prestigiosi, professore universitario e avvocato di successo, una compagna ricca e bellissima e un giorno Bonafede ti ha cambiato la vita, invitandoti al ruolo di ministro del futuro governo pentastellato. Hai mai potuto non ne avresti immaginato l’evoluzione. Oggi sei l’unico in grado di affermare quei principi fondativi di un’idea nata da chi è morto troppo giovane per poter difendere in prima persona la sua magnifica creatura, una serie di progetti e prospetti troppo ovvi per le troppo destabilizza tutte le categorie di ladri. Non c’è più nessuno nel Movimento Cinque Stelle.

Gli eletti in Parlamento hanno in buona parte evidenziata la miseria della natura umana, una prerogativa che non ha né colore, né appartenenza, Grillo sembra un pazzo, non così se sia veramente impazzito e si sia rotto i coglioni. La piattaforma Rousseau, unica, vera interlocuzione con i cittadini di buona volontà, non ha più voce in capitolo, è stata soppressa. Il Movimento Cinque Stelle ancora esiste perché sei tu a tenerlo in vita e la tua è una responsabilità enorme. Sei colui che ha in mano le sorti di quel patrimonio di buon senso che ha riportato noi tutti a votare nel 2018 ed è quello che vorremmo tornare a fare a settembre.

Da solo non ce la farai, non sei un trascinatore e anche se hai dimostrato di saper far bene, avrai bisogno dell’unico rimasto in piedi con una dignità, una coerenza, un’onestà intellettuale che non hanno uguali, Alessandro Di Battistal’unico ancora in grado di poter parlare alla gente comune dall’alto dei principi di cui sopra.

Lascia perdere il Pd, forte il lato peggiore di questa politica. La sua storia è l’epilogo di un inesorabile declino rovinoso della sinistra italiana, iniziato col cambio di nome del Pci, contemporaneo alla vendita della sua storica sede di Botteghe Oscure addirittura all’associazione Bancaria Italiana che, a sua volta, vende il busto di Gramsci e la bandiera della comune di Parigi, ancora esposta, alla multinazionale dei più lussuosi hotel del mondo.

In questi due mesi di tempo, cercate di spiegare alla gente quanto vis sia costata la mediazione per governare insieme a soggetti che volevano solo la vostra distruzione, provate a ricostruire un dialogo con la piattaforma Rousseau, uno strumento democratico prodigioso. Cercate di riabilitare chi è stato emarginato o addirittura espulso, solo perché difendeva i valori fondanti del Movimento, fate sentire la vostra voce per porre fine ai cambi di casacca e se proprio due mandati sono troppo pochi perché un essere umano lasci anche quel che ha per rsi alla politica, allora fatene almeno tre e invece di lasciare parte dello spazio alle piccole dedica e medie imprese, lo si accantoni per rimborso vieni aiutonel momento in cui, chi lo ha versato, non viene più rieletto o abbia terminato i tre mandati.

Il tempo è davvero poco, sarebbe stato meglio vedere cosa essere stati capaci di fare questi migliori senza di voi, dove ci avrebbe portato questo banchiere ei suoi lenoni. Ma lui è furbo, almeno quanto i suoi lenoni e si sono tutti chiamati fuori prima.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post invii, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continua a rendere il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale, notizie e idea – e accedere al Forum Riservato sordo discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Leave a Comment

Your email address will not be published.