chi saranno i preferiti? Duello Van Aert-Van der Poel, ma Girmay fa paura – OA Sport

Mancano solo quattro giorni all’inizio della rassegna iridata di Wollongong. Domenica 18 settembre apre la settimana dei Campionati del mondo di ciclismo su strada che monopolizzerà le attenzioni degli appassionati di globo e che culminerà domenica 25 con la prova maschilde in linea.

Seppur con qualche forfait dell’ultimo minuto, il livello della startlist sarà stellare come sempre. Tanti dei migliori corridoi al mondo saranno in Australia a darsi battaglia per la maglia iridatapiù il simbolo dei simboli dello sport su due ruote, un risultato che può cambiare la carriera di ogni ciclista.

Il percorso, mosso ma particolarmente non duro, sembrerebbe portare ad una possibile battaglia testa a testa tra due delle stelle più luminose del firmamento ciclistico: Wout Van Aert e Mathieu Van der Poel. La qualità dei due rivali è tale che probabilmente non esiste un tracciato su cui loro possono essere tagliati fuori, ma lo strappo di 1100 m al 7.7% del Mount Pleasant, da ripetere per 12 volte, potrebbe essere il trampolino adatto per uno dei loro proverbiali attacchi.

Dopo averli guardati battagliare per anni nei Mondiali di ciclocross, sarebbe entusiasmante vedere la lotta traslata su strada, ma ovviamente gli avversari non mancano. Il nome di Binam Girmay non è più una sorpresa da sentire accostato a questi mostri ormai sacri. Nonostante la giovanissima età l’eritreo ha dimostrato di poter tenere il passo dei migliori sugli strappi esplosivi ed essere molto pericoloso in una volata ristretta. Potrebbe regalare un sogno al suo Paese ed al Continente africano.

Appaiato ai nomi più interessanti sulla griglia di partenza Tadej Pogacar. Inutile stare qui a raccontare le qualità dello sloveno, fenomenale non su ogni territorio esistente. La vittoria al GP di Montreal ha fortemente rilanciato le sue quote, ricordando che non ha bisogno di staccare tutti in salita per fare la differenza, ma che può regolare la concorrenza anche in volata.

Ciclismo, Classifica UCI (13 settembre): Italia a rischio “risucchio”. Rota miglior azzurro, Pogacar comanda

La lista dei candidati alla vittoria va avanti ancora a lungo e non può non contenere, nonostante i tanti problemi di questa stagione, il due volte campione in carica Giuliano Alaphilippe. Loulou guiderà una francia con tantissime frecce al proprio arco, da Christophe Laporte a Florian Sinechal, passando per Valentin Madouas.

Tra i grandissimi preferiti anche il padrone di casa Michele Matteo. Il percorso sembra assecondare perfettamente le caratteristiche dell’australiano che ha già in bacheca due podi iridati. Entrambe le edizioni in cui Matthews ha finito nei primi tre, a portarsi a casa la maglia è stato Pietro Sagan. Lo slovacco ha ormai perso lo smalto degli anni migliori, ma tenerlo fuori dalla considerazione potrebbe essere un grave errore.

Bisognerà dare grande attenzione anche a quelle che sulla carta partono come “second linee” delle formazioni dei grandi favoriti. In questa categoria il più accreditato è ovviamente Remco Evenepoel. Il belga è appena uscito dalle tre settimane più esaltanti della sua giovane carriera alla Vuelta. Questo potrebbe avergli lasciato tanta nelle gambe ma anche tanta adrenalina e fatica. Occhio anche ai Nederlandesi Dylan Van Baarle e Pascal Eenkhoorn.

Al termine di questa lunga lista, a cui si potrebbe aggiungere anche il norvegese Alexander Kristof ed il britannico Ethan Hayter, arriviamo agli italiani. Inutile girarci, gli azzurri intorno non partiranno come favoriti e strong neanche tra le seconde linee. Alberto Bettiol, Matteo Trentin e Andrea Bagioli sono le tre migliori carte per la Nazionale di Daniele Bennati e partiranno come outsider di lusso. Bisognera giocarsela con una perfetta condotta di gara ed inventando qualche azione, magari anche da lontano.

Foto: AP Photo/Olivier Matthys

Leave a Comment

Your email address will not be published.