Criptovalute verso il primo crac italiano. Investitori a caccia dei broker scomparsi: «Ora devono avere paura»

TREVISO – Paura e rabbia. Tanto da invocare i “cacciatori di teste” contro i tre soci della New Financial Technology Ltd, la società italo-inglese, fondata a Silea, al centro del caso sulla presunta truffa delle criptovalute. E da mettersi sulle tracce anche dei loro familiari per sapere che fine hanno fatto i loro soldi. Tra gli investitori c’è chi non dorme la notte, ossessionato dall’incubo perdere di i risparmi di una vita e chi sarebbe disposto a usare le maniere forti pur di vedersi restituire i capitali investiti.
Minacce e sfoghi al vetriolo rimbalzano su uno dei canali Telegram creati nei giorni scorsi per compattare il fronte degli investitori. «Io sono per chiuderli in un vicolo buio e legnarli fino a quando i wallet li tirano fuori anche dal c…» scrive uno dei più arrabbiati. «Dovrebbero tremare perché a me basterebbe un milione per fargli la festa, recuperare il resto e restituirlo a tutte le vittime. E vieni da me ci saranno tanti “cacciatori di teste” in giro disponibili a sistemarli. Non possono nascondersi per tutta la vita» rincara la dose un altro iscritto, sull’onda della bile per quello che gli era stato spacciato per un investimento sicuro e che ora rischia di lasciarlo sul lastrico.


IL TERREMOTO
Sono giorni angoscianti per le obbligazioni di investitori che erano fidati della proposta allettante della società, fondata dai tre trevigiani Christian Visentin, Mauro Rizzato e l’avvocato Christian Giullini. La promessa di una resa mensile 10% sugli investimenti ha fatto gola a molti e fino a poco tempo fa sembrava tutto andare liscio. Poi il terremoto, arrivato sotto forma di mail, che ha seminato il panico: l’azienda ha bloccato le rendite “per problemi interni”. Più passa il tempo più cresce il timore che i soldi investiti siano persi per sempre. Malgrado le rassicurazioni (piuttosto vaghe) ricevuti in questi giorni da Giullini, il legale rappresentante della società. L’unico rimasto a metterci la faccia, assicurando che il capitale verrà restituito: se le sue parole siano sincere oppure no saranno le indagini a fare chiarezza.

NEL MIRINO
Sul canale sono apparse anche le foto dei soci: quello più preso di mira è Visentin, che si è sempre occupato della parte tecnica della società ovvero la gestione del software per gli investimenti, dei fondi e dei wallet. Di lui nessuna traccia: tantissimi i clienti che lo hanno cercato senza nessuna risposta. Al punto che qualcuno ha ottenuto di fare pressione sui suoi famigliari. «Qualcuno ha contattato la moglie di Visentin e questa gli ha detto che minacciarla non è stata una buona idea – si legge nella chat – che lei non sapeva nulla, stand in Italia e che il suo cellulare è controllato dalla polizia di Dubai». E lì che si troverebbe Visentin, secondo Giullini, pronto ad «avviare un’azione legale» nei confronti del socio per una serie di «presunte anomalia» che ha portato a un “alleggerimento” della cassa societaria. Tra incertezze e diffidenza, rimanere intanto le video call tra la società ei gruppi di investitori. Chi si riferisce di aver parlato con Giullini viene tempestato di domande. Una su tutte: «Quando ci ridanno i soldi?». Già perché è questo l’obiettivo della schiera di investitori: 200 solo i casi trevigiani emersi finora, oltre 700 anche quelli che da tutta Italia e dall’estero si stanno unendo per intraprendere un’azione unita nei confronti della societài. Nelle chat il clima è piuttosto teso: c’è chi racconta di essere tartassato da presunti broker che avanzano proposte di altri investimenti.

«CALMA, FIDUCIA E AIUTO»
La parola d’ordine è fare squadra: «Chiediamo a tutti calma, fiducia e aiuto». E il consiglio è evitare di promuovere azioni in parallelo a quella che stanno cercando di portare avanti tutti insieme «per evitare di disperdere ulteriormente le energie». Il gruppo di investitori è in contatto con l’Associazione per la tutela del consumatore di Treviso e l’Associazione vittime di truffe finanziarie internazionali (Afue). Del caso si sta occupando anche il Movimento Difesa del cittadino con l’avvocato Matteo Moschini. L’agitazione era cominciata nei giorni scorsi quando ai clienti era arrivata via mail una comunicazione della società: nella missiva elettronica si annunciano problemi interni e l’intenzione di restituire problemi i capitali versatienitro con ungi valuta di successo. Niente più rendite, quindi. Tanto è bastato a scatenare il panico.

.

Leave a Comment

Your email address will not be published.