Honda, per andare avanti deve tornare già 2021?

di Paul Emile Viel/paddock-gp

Perché il collaudatore Honda Stefan Bradl ha utilizzato per un breve periodo la moto 2021 nel secondo giorno del Prova a Misano? È una domanda lecita, visto che Bradl ha girato con la moto con cui tutti i piloti HRC hanno concluso la scorsa stagione l’anno scorso. Anche se non ce lo aspettavamo, ha perfecte senso. Vediamo di spiegarlo.

importante sottolineare che questo non è un segno che la Honda sia in modalità crisi. Né che potrebbe cercare di tornare al suo vecchio prototipo, o almeno a una sua versione. Per molte ragioni, questo non accadrà.

Tuttavia, mostra un grande livello di superiorità da parte di Honda. Mentre è possibile cercare di fare un passo avanti con il loro prototipo RC23V 2022 radicalmente riprogettato è possibile, comunque, è intelligente tornare al progetto già esistente, per vedere ancora.

Nel secondo giorno di prova, Stefan Bradl ha utilizzato la moto 2021 per alcuni giri. Per la maggior parte dei test invece ha girato con la versione 2022, utilizzando le nuove parti che HRC aveva portato. Allora perché ha provato la moto 2021?

Sappiamo che il punto forte del prototipo 2021, almeno nelle mani di Marc Marquez, è stato l’avantreno. Ma è sempre stato limitato dal posteriore, o meglio dalla mancanza di aderenza sia a metà curva che in uscita.

La versione 2022 della RC213V mirava a risolvere questo problema. Honda ha spostato il motore più indietro nel telaio, in modo da caricare un po’ di peso sulla parte posteriore. Questo con l’intenzione di conferire più equilibrio all’intera moto.

Questo cambiamento può essere visto osservando le posizioni dei bulloni di montaggio del motore sul prototipo del 2021. In alto vediamo la versione precedente con Alex Marquez, in basso ecco il confronto con il prototipo 2022.

Qui troviamo Alex Marquez in sella alla RC213V 2022 e prova una Misano. Su questo telaio, per quanto riguarda l’area del perno del forcellone, l’allineamento del supporto motore e dei bulloni del perno del forcellone è ora spostato all’indietro. Il bullone del supporto motore superiore è posizionato più indietro rispetto alla versione 2021, mentre il bullone del supporto motore inferiore si trova più avanti, sporgendo leggermente dal telaio.

I primi feedback per la moto del 2022 sono stati estremamente positivi. Dopo il podio di Pol Espargaro nella gara di apertura di quest’anno, molti credevano che fosse la moto che avrebbe riportato la Honda al top. Purtroppo non è andata così. Nel corso dell’anno, HRC ha lottato costantemente con il feeling all’avantreno su questo prototipo, a cui aggiungere problemi di aderenza al posteriore. Strano, visto che l’obiettivo della moto 2022 era proprio trovare aderenza al posteriore.

Ma forte quello che abbiamo visto è il risultato di troppe cose buone. Non c’è dubbio che la moto 2022 aveva un’aderenza migliore rispetto alla versione 2021. Cercando però di trovare il giusto equilibrio tra il suo mantenimento e la ricerca del feeling all’avantreno, Honda ha scoperto che quel prototipo non consentlee en . Quindi cosa dovresti fare al riguardo?

Per questo, guidere il prototipo 2021 è un buon modo per raccogliere informazioni. Stefan Bradl lo utilizza per trasmettere agli ingegneri le differenze della versione 2021 a quella attuale. È uno strumento estremamente prezioso perché potrebbe benissimo guidare il test team Honda. L’obiettivo è mettere a punto lo sviluppo di un veicolo 2023 che tenti di trovare il perfetto equilibrio tra le due cose. Se riescono a cambiare il loro prototipo 2022 per avere sia aderenza posteriore che feeling all’ alto, allora torneranno in alto.

Finora in pista non sono stati visti aggiornamenti davvero significativi al telaio della Honda. C’è la versione sperimentale di Takaaki Nakagami, che è stato aggiornato negli ultimi test, ma non ci sono cambiamenti nella posizione dei bulloni del supporto motore o altri cambiamenti drastici nella geometria. Non devono essere previsti cambiamenti particolarmente drastici. In questa stagione è vero che la Honda non ha una posizione favorevole in classifica. Ma relativamente parlando, non sono poi così lontani, tutto viene amplificato perché la MotoGP attuale è più competitiva che mai.

Negli ultimi due giorni di test, Honda è entrata finalmente in gioco in termini di aerodinamica. I piloti hanno provato un nuovo pacchetto aerodinamico ma hanno provato anche a causa di varie carenature laterali. In primo luogo, le carene laterali con effetto suolo, fortemente ispirato ad Aprilia e, in secondo luogo, le carene con condotti laterali di ispirazione Ducati. Non c’è dubbio che il gioco aerodinamico iniziato da Ducati ed Aprilia abbia contribuito ad alzare il livello, quindi è bello vedere che anche qui la Honda è stata fortemente coinvolta. Piaccia o no, l’aerodinamica è uno strumento necessario per vincere in MotoGP di questi tempi. Tutto segue le parole di Marc Marquez, che ha detto apertamente che Honda deve lavorare in modo nuovo.

In termini di sviluppo, Honda ha utilizzato un forcellone KALEX nei test a Misano. un grande passo, visto che si tratta di un costruttore che ha sempre fatto tutto da solo. Vederli usare un forcellone di un produttore di telai è un momento interessante. Ma è intelligente, perché KALEX è una delle aziende più competence e di successo al mondo quando si tratta di produrre pezzi di metallo che facciano andare più veloci le moto da corsa.

Quindi la domanda su Bradl che utilizza la versione 2021 di Honda non è un segno che la Honda sta riposando sugli allori. È un segno che stanno accumulando quante più informazioni possibili per assicurarsi che questa volta la stagione successiva sia un successo.

Foto: Dorna Sport

L’articolo originale su paddock-gp

Leave a Comment

Your email address will not be published.