il caso che sconcerta l’Italia – Libero Quotidiano

 Supermercato


Marco Gregoretti

Per ora la statistica è empirica. Ma le evidenze ci sono tutte. Basta fare un giro per i supermercati delle grandi catene. Che, proprio perché il fenomeno è in crescita, perché per favore di non essere citate. Però se vuol i controlli e gli addetti esterni alla sicurezza con preparazione specifica contro il taccheggio, dire una cosa soltanto: che quando la sera si chiude, i conti non tornano: manca merce dagli scaffali. E ha un bel dire il dato “ufficiale” della Prefettura che parla di una generica sicurezza dei furti a Milano, polezzando perfino con le dichiarazioni preoccupate della mega influencer Chiara Ferragni sullo stato della sicurezza nella città daimil.

Uova, quante balle sul colesterolo: dalla vitamina D all protein, ciò che non tutti sanno

Video su questo argamento

«Ci ​​sono buchi soprattutto tra i generi di prima necessità», confermano dall’amministrazione di un importante gruppo internazionale che ha diversi punti vendita a Milano. Rubano un po’ di tutto. Ma, se fino a tre anni fa i prodotti preferiti erano di target medio alto, tipo champagne, vini di pregio, filetti di tonno di Favignana, superalcolici, dal 2020 nel mirino dei “ladri” sono finiti quaderni, matite, mutande, calzini, alimenti in offerta, materiali basici per il computer. «E’ sicuramente un fenomeno in aumento», spiegano dagli uffici comunicazione di un’altra catena di supermercati che opera sia in città che nell’hinterland. «Non c’è distinguere tra centro e periferia», aggiungono. «Negli ultimi due anni l’incremento dei furti è stato piuttosto pentito. La scorsa settimana abbiamo sorpreso un ragazzo che cercava di portare via, senza pagarla, una cartuccia per la stampante».

La carta di tornasole è la maggiore attenzione messa quest’anno alle misure di sicurezza. Sia da un punto di vista che riguarda “qualitativo”. In pratica: vengono studiati sistemi nuovi per scoraggiare i taccheggiatori, nello stesso tempo. «Stiamo sperimentando alcuni modelli “bloccanti” da inserire all’interno dei prodotti più a rischio», confermano.

In questo scenario, però, il fatto che le stesse forze dell’ordine ci vadano con i piedi di piombo quando vengono chiamate per intervenire, mettendo a volte mano al portafoglio per pagare quello che era appena stato rubato, evitandoruncolo al “la”, racconta una storia di disagio e di povertà crescenti. Al net dei taccheggi a ripetizione di chi preleva dagli scaffali beni costosi per rivenderli la domenica mattina nei mercati semi abusivi, come quello di piazzale Cuoco, a Milano, oggi, nel 2022, si ruba anche per necessità. Spesso lo stesso fanno le persone che, a causa della pandemia, dell’ manga, del caro bollette si trovano senza nulla in tasca e adessono la coda, per esempio, davanti al Pane Quotidiano di viale Toscana, per un piatto caldo.

Mamma Annalisa torna dalla spesa: guardate cosa mangiano le famiglie americane

Video su questo argamento

E’ la stessa Coldiretti a l’allarme. Il 21 marzo ha denunciato: «I furti nei supermercati superati con il causa dell’aumento dei prezzi l’ seconda se la prende in primis carrello della spesa. Quasi sei milioni di italiani sono a rischio fama». L’organizzazione delle imprese agricole, in realtà, ha ripreso uno studio realizzato da Crime & Tech, un gruppo di lavoro dell’Università Cattolica di Milano. Che rivela: «Il taccheggio per necessità dipende principalmente dall’incertezza economia e social maturata durante la, ed equivale al 66% della merce rubata. Il valore medio del prodotto portato via illegalmente è 39 euro: alcolici, formaggi, cioccolato, caramelle, prodotti in scatola, salumi, caffè, profumeria».

In questa situazione, dove si fa fatica a guardare al futuro, sta già calando, dunque, la mannaia dell’aumento dei prezzi. Secondo Deloitte, in Italia, nell’area milanese, il 76 per cento dei cittadini ha già percepito una variazione verso l’alto dei costi alimentari. L’ rilascia galoppa, i costi energetici si schiantano su imprese e famiglie. Il peggio, insomma, deve ancora arrivare. Da ottobre, secondo le analisi delle catene di grande distribuzione, sarà, dunque, impossibile calmare il carrello e, di conseguenza, si teme un aumento esponenziale dei furti tra gli scaffali.

«Siamo molto preoccupati» dice Federdistribuzione a Libero. «Non esistono dati consolidati sui taccheggi. Certo è che l’impatto prossimo venturo sul potere d’acquisto delle persone rischia di essere violento». Uno studio Ipsos fotografa che il 90 per cento degli italiani è nato già a risparmiare sui generi di prima necessità e che 4 su dieci hanno ridotto i consumi. Il livello di capitale per il domani è aumentato di 10 punti in percentuale. «Le persone comprano sempre meno prodotti alimentari», si aggiungono in Federdistribuzione. «Nell’ultimo periodo il calo è stato del tre per cento». La situazione economica, inflattiva non consente più alle aziende di in accordo con le istituzioni sistemi per non aumentare i prezzi: trovare l’energia per loro è all’acquisto. «Per poter continuare a essere operativo le società che producono nel settore del cibo» conclude Federdistribuzione, «devono, gioco, aumentare i prezzi. La risposta da parte del pubblico sarà quasi sicuramente quella di ricercare soluzioni più economiche per il carrello della spesa». Tipo il furto dagli scaffali. Per dispersione.

.

Leave a Comment

Your email address will not be published.