Il mea culpa del Papa agli indigeni del Canada: “Chiedo perdono per il male commesso. La Chiesa fu complice della distruzione culturale”

“Vorrei ribadirlo con vergogna e chiarezza: chiedo umilmente perdono per il maschio commesso da tanti cristiani dai un’occhiata popolazione indigena”. il mea culpa con cui Papa Francesco ha iniziato il suo viaggio in Canadail 37esimo del suo pontificato, ma forse anche il più difficile per il persistente problema al ginocchio destro che lo costringe da tempo sulla sedia a rotelle. Bergoglio, però, dopo essere stato costretto ad annullare il viaggio nella Repubblica Democratica del Congo e dentro Sudan del Sud proprio per l’impossibilità di camminare, ha voluto tenere fede alla fatta fatta all indigene. Francesco è il secondo Pontefice a recarsi in Canada dopo San Giovanni Paolo II che visitò il Paese nel 1984, nel 1987 e nel 2002.

“Io vi ringrazio – ha affermato il Papa incontrando le popolazioni indigene – per avermi fatto entrare nel cuore tutto questo, per aver tirato fuori i fardelli pesanti che portate dentro, per aver condiviso con me questa memoria sanguinante. Oggi sono qui, in questa terra che, insieme a una memoria antica, custodisce le cicatrici di ferite ancora aperte. Sono qui perché il primo passo di questo pellegrinaggio penitenziale in mezzo a voi è quello di rinnovarvi la richiesta di perdono e di dirvi, di tutto cuore, che sono profondamente addolorato: chiedo perdonohanti, moluino per i cristitropani in mentalità colonizzatrice delle potenze che hanno oppresso i popoli indigeni. Sono addolorato. Chiedo perdono, in particolare, per i modi in cui molti membri della chiesa e delle comunità religiose hanno cooperareanche attraverso l’indifferenza, a progetti di formazione culturale e assimilazione forzata dei governi dell’epoca, culminati nel sistema delle scuole residenza”.

Francesco ha sottolineato che “sebbene la cristiano di carità fosse presente e vi erano non pochi casi esemplari di dedizione per i bambini, le conseguenze complessive delle politiche legate alle scuole residenziali sono state cartella della catastrofe. Quello che la fede cristiana ci dice è che si è trattato di un errore devastanteincompatibile con il vangelo di Ges Cristo. Addolora sapere che quel terreno compatto di valori, lingua e cultura, che ha conferito alle vostre popolazioni un genuino senso di identità, è stato eroso, e che voi continuiate a pagarne gli effetti. Di fronte a questo male che indigna, la Chiesa si inginocchia dinanzi a Dio e implora il perdono per i peccati dei suoi figli”.

Il Papa ha evidenziato, inoltre, che “è necessario ricardare come le politiche di assimilazione e di affrancamentoche comprendevano anche il sistema delle scuole residenziali, siano state devastante per la gente di queste terre. Quando i coloni europei vi arrivarono per la prima volta, c’era la grande opportunità di sviluppo un fecondo incontro tra cultura, tradizione e spiritualità. Ma in gran parte ciò non è avvenuto. E mi tornano alla mente i vostri racconti: di come le politiche di assimilazione hanno finito per emarginare sistematicamente i popoli indigeni; di come, anche attraverso il sistema delle scuole residenziali, le vostre lingue e cultura sono state denigrate e soppresse; di come i bambini hanno subito fisica abusiva e verbalità, psicologici e spirituali; di come sono stati portati via dalle loro case quando erano piccini e di come ciò abbia segnato in modo indelebile il rapporto tra i genitori ei figli, i nonni ei nipoti”.

Bergoglio ha ammesso, infine, che “molti di voi e dei vostri rappresentanti hanno affermato che le sus non sono un punto di arrivo. Concordo completo: basta solo il primo passo, il punto di partenza. Sono anch’io consapevole che, guardando al passato, non sarà mai abbastanza ciò che si fa per chiedere perdono e cercare di riparare il danno causato e che, guardando al futuro, non sarà mai poco tutto ciò che si fa per dar vita a una cultura capace di evitare che tali situazioni non solo non si ripetano, ma non trovino spazio. Una parte importante di questo processo è condotta una seria ricerca della verità sul passato e aiutare i sopravvissuti delle scuole residenziali a intrarendere percorsi di guarigione dai trauma subiti. Prego e spero che i cristiani e la società di questa terra crescano nella capacità di accogliere e rispettare l’identità e l’esperienza delle popolazioni indigene. Auspico che si trovino vie concrete per conoscerle e apprezzarle, imparando a camminare tutti insieme. Da parte mia, continuerò a incoraggiare l’impegno di tutti i cattolici nei riguardi dei popoli indigeni”. E ha concluso: “Sappiate che conosco la sofferenza, i trauma e le sfide dei popoli indigeni in tutte le regioni di Paese questo. Le mie parole pronunciate lungo questo penitenziale sono rivolte a tutte le comunità e le persone native, che abbraccio di cuore. In questa prima tappa ho voluto fare spazio alla memoria. Oggi sono qui a ricordare il passato, a piangere con voi, a guardare in silenzio la terra, a pregare presso le tomba. Lasciamo che il silenzio ci aiuti tutti a interiorizzare il dolore”.

Twitter: @Francesco Grana

Leave a Comment

Your email address will not be published.