LIBRI CHE RIMARRANNO/73 : ”Il bambino scomparso” di Frediano Sessi

Le bibliography scolastiche sono ricche di titoli che accadeti dei sindaci dati della Shoah, così come passano in rassegna la produzione registi contemporanei, annualmente alla cosiddetta Giornata della fortenella libernata della Memoria, è così come Auschwitz da parte dell’Armata Rossa.
Il libro di Frediano Sessi, “Il bambino scomparso” (Marsilio 2022, pag. 155, Euro 16,00) spiazza alcune di queste considerazioni.
Auschwitz non è stato liberato trionfalmente dai russi, dice a un certo punto il narratore. Ed è lui la scoperta più inattesa, perché si tratta di un testimone che per decenni ha cercato e preteso di rimanere nell’ombra. C’è un merchandising attorno all’Olocausto, alimentato anche dall’orgia di testimonianze, che rende ancora più cristallina la testimonianza a cui Sessi dà voce in questo libro prezioso.
Birkenau – dice ad un certo punto il protagonista, che rimette piede nel campo a anni di distanza – era attrezzato per molti ospitare una folla immensa e gli organizzatori avevano messo molte bancarelle, tanto che il vecchio Lager uneircatogliava. quel luogo così tremendo sembrava un luna parco […] come sarebbe stata la memoria in futuro? Birkenau sarebbe diventato una meta turistica tra Cracovia e Varsavia?”
(pagg. 62-63)
Sì, Luigino Ferri: è diventato questo.
Perciò questo libro di Sessi, che è il curatore dell’edizione italiana del “Diario” di Anna Frank, tra le altre cose, è necessario. Il protagonista, Luigi Fritsch, poi Luigi Ferri per occultare in parte l’origine ebraica nel cognome, è quel “Luigino” che ha attraversato Auschwitz come una leggenda, quasi una fiabesca se non fosse per l’abbrutimento del luogo.
Cattolico ariano, fu portato per suo volere insieme alla nonna alla Risiera di San Sabba e poi deportato nel basso. Non per eroismo, dirà lui. Semplicemente per paura di rimanere da solo a Trieste e per attaccamento affettuoso ma anche utilitaristico a nonna Rosa.
Poi nel giro infernale baracche trova il suo figlio in un medico e breo, Otto Wolken, che lo nasconde sottraendolo alle camere a gas quine delle destinate automaticamente i bambini: inutili ai fini del campo perché troppo gracili per lavorare.
Di lui si sapeva qualcosa e si sono poi perse le tracce negli anni per sua stessa espressa volontà di scomparire
“Oggi proliferano gli scritti di memoria: assistiamo alla pubblicazione di racconti di racconti, spesso redatti da giornalisti o storici, in cui la voce dell’ex deportato o dell’ex deportata ammonisce i lettori: mai piè quellove a noche Come se chi ha vissuto un’esperienza estrema, incisa come il numero di matricola sulla sua carne, con il passare del tempo si fosse trasformato in oracolo, perdendo la consistenza di persona reale Sacro ai media e al mercato, è atteso come una star da un pubblico silente e in lacrime, unico scrigno di verità”, scrive sessi a pg. 107, nella sua riflessione ampia che completa il libro. Il racconto di Luigi, in una prima persona fittizia poiché creato attraverso la collazione di fonti, oltre che naturalmente grazie all’incontro diretto dell’autore con Ferri, la cui identità è custodita e protetta, il racconto verodice e proprio le prime 93 pagina. Il resto sono fonti e altrettanto coraggiose.

Un libro che deve essere letto da tutti quelli, insegnanti e politici in primissima fila, che bamboleggiano retoricamente intorno alla shoah, spettacolarizzane il dolore, impadronendosi ideologicamente della sofferenza, fucndo un all cattivo serviocio

© www.merateonline.it – ​​​​Il primo network di informazione online della provincia di Lecco

Leave a Comment

Your email address will not be published.