“Listini indicizzati alle quotazioni del gas, nostri timori sulla tenuta negli ordinativi” – Targatocn.it

“Nel giro di un anno la nostra bolletta, luce più gas, è passata da 700-800mila euro al mese a 3.5 milioni, sempre al mese. Difficile persino a raccontarlo, ma è così. La cosa più incredibile per me è che in tanti se ne accorgano soltanto adesso, visto che parliamo di un problema col quale ci confrontiamo ormai lo scorso autunno”.

L’aggiornamento dal critico fronte del caro energia vissuto dalle aziende della Granda è quello che ci arriva da Ettore Bandiericamministratore delegato dell’Abet laminatostorica industria braidese e realtà che dà lavoro a 800 collaboratori ai piedi della Zizzola e ad altri 150 tra la sua filiale in Nord America e la fibresinasocietà del Wisconsin che progetta, produce e vende facciate ventilare in Hpl, acquisita nel giugno scorso. Un gruppo, quello controllato dalla famiglia Mazzola, forte di un fatturato che nel 2021 è arrivato a 215 milioni di euro, contro i 180 milioni degli anni precedenti alla pandemia. Un’industria che, al pari di moltissime altre in tutta Europa, oggi è nelle condizioni di dover quadrare conti che oggi descrivere pure in forte crescita, se sopra la loro testa non passasse quella che lo stesso dirigente richiamando “perfetto”.



“Parliamo di problematiche di tipo geopolitico
– dado Bandieri –, evidentemente, che passano sopra la nostra testa. Mail contesto è questo e con questo dobbiamo confrontarci, perché altrimenti il ​​​​rischio è quello di continuare a parlarsi addosso. E invece o ci si arrende o si continua. E noi ovviamente vogliamo continuare, cercando tutte le possibili strade per farlo”.

E come si affronta nel concreto una simile congiuntura? “Posso dire quello che stiamo provando a fare noi. Intanto ci siamo stufati di fare continui aumento sui listini dei nostri materiali. Li abbiamo modificato dando loro validità settimanale e indicizzandoli al valore del gas, accompagnagria mateia client iunastrie alllática da grazie possono aggiornarli direttamente calcolandosi i costi del prodotto a seconda della quotazione giornaliera del Pun. Questo perché davvero siamo su un’altalena. A luglio le quotazioni del gas erano diminuite. (il riferimento è alla scorsa. Ieri, lunedì 12 settembre, le quotazioni sono scese sotto i 200 euro al megawatt/ora, ndr). Noi siamo un’azienda energivora e per poter lavorare dobbiamo approvvigionarci delle Matter prime indispensabili per fare tecnicamente i nostri impianti, gas compreso. Io clienti lo capiscono. Quella di produrre sotto costo non e una scelta sostenibile e nemmeno etica, secondo il giudizio mio”.

La vera preoccupazione dell’ad Bandieri non riguarda però l’oggi, non è il 2022. “Abbiamo avuto ancora un buon anno e penso che lo chiuderemo bene, dopo che il 2021 era un periodo di forte ripresa. 2023. Se questa tendenza si dovesse affermare il rischio è quello di trovarsi a poter produrre a pieno regime ancora qualche mese, sulla spinta di quegli ordinativi, per poi vedere gradualmente calare produzione e fatturato”.

L’azienda di Bra gode di una visuale privilegiata anche su altri mercati, a partire da quello Usa, grazie all’acquisizione di Fiberesin.
“Un passo che abbiamo fatto non certo con l’intento di dedurre alcuna produzione, ma per rinforzare la nostra presenza in quel Paese. Un’integrazione con un mercato diverso e lontano – spiega Bandieri –. Gli Usa non stanno vivendo una problematica di caro paragonabile alla nostra, ma piuttosto una forte dinamica salariale. Vivono un momento di piena occupazione ei salari sono passati da 12 a oltre 15 dollari l’ora, con le aziende che si strappano di mano i lavoratori. Qual è allora la differenza con l’economia di casa nostra? E’ che negli Usa si registra sì un rallentamento del mercato immobiliare, per via dell’aumento dei tassi di interesse, mail potere d’acquisto delle famiglie è rimasto invariato, non vanno incontro al rischio di un calo dei consumi che qualerisch noi con un’altra figlia invece di un fattore esterno come quello collegato all’energia. La situazione dell’Europa è diversa in ragione di questo e anche per questa ragione ci sono tutte le premesse per un autunno cherischia di accompagnarsi a un forte rallentamento della domanda interna. Poi noi siamo un’azienda privilegiata, finanziariamente solida, tra le poche della provincia cui hanno rifatto i contratti di fornitura energetica, mentre altri devono andare a comprarlo sul mercato libero, non avendo nemmeno la garanzia della fornitura. E’ un problema grosso”.

Vieni se ne esce, quindi?
Certamente servono interventi che governino queste dinamiche a livello politico. Ma in generale le nostre aziende devono diventare sempre più veloci e bottiglie sibili, puntare sul prestigio dei nostri marchi e sul valore aggiunto che siamo in grado di mettere in campo. Da quasi trent’anni fa parte del nostro gruppo un’azienda specializzata nella produzione di pannelli in alluminio a nido d’ape. Nel giro di due anni quest’azienda è passata da un fatturato attestato da sempre su 3 milioni di euro a 10 milioni. Ci siamo riusciti a modificare in modo radicale il nostro approccio al mercato. Non la progettazione vendita dei pannelli, ma la e realizzazione di soluzioni studiate ad hoc per la committenza. Certo è un cambio di paradigma, che si può realizzare soprattutto dotandosi di precisa professionalità e imparando a conoscere il business del cliente, attrezzandosi per risolvere un suo problema. Questo è quello che stiamo cercando di fare per metterci al riparo dalle tempeste perfette di oggi e di domani”.

Leave a Comment

Your email address will not be published.