Musetti stende Gojo, Berrettini batte Coric

All’Unipol Arena di Bologna il carrarese vince 6-4, 6-2, mentre il numero 15 al mondo trionfa in rimonta 6(4)-7, 6-2, 6-1. Il duo azzurro trionfa contro gli ex numero uno al mondo 3-6, 7-5, 7-6(3)

L’Italia vince con un net 3-0 la sfida contro la Croazia nel gruppo A di Coppa Davis. Buon esordio per Lorenzo Musetti e Matteo Berrettini: il toscano batte senza problemi Borna Gojo 6-4, più complicato il compito del romano che, dopo un’intensa battaglia, supera Coric 6(4)-7, 6-2, 6-1. Fognini e Bolelli strepitosi, battono 3-6, 7-5, 7-6(3) Mektic e Pavic. In panchina, invece, Jannik peccatore pronto a rientrare nelle gare.

MUSETTI-GOJO 6-4, 6-2
A Bologna non poteva esserci esordio migliore per Lorenzo Musetti in Coppa Davis: l’azzurro, davanti al di casa, regala il primo punto all’Italia nella sfida contro la Croazia valido per il girone A della competizione. Il punteggio finale dice 6-4, 6-2 a favore dell’italiano su Borna Gojo. Se il primo set ha avuto perlomeno qualche sussulto, di certo la stessa cosa non si può dire del secondo. Nel primo parziale parte leggermente contratto il toscano, ma al quinto game si porta in vantaggio di un break. Nel settimo arriva un gran turno di battuta del croato che gli permette di rimanere in gioco. Da qui in avanti il ​​numero 30 al mondo aumenta il ritmo e chiude 6-4 il primo set. Nel secondo parziale la musica non cambia, anzi Musetti è concreto e sfrutta gli errori di Gojo portandosi sul 2-0. Il terzo game è quello più combattuto con cinque palle break per l’azzurro che alla fine ha la meglio. Nel quinto il croato prova a rimanere in partita grazie all’ottimo turno in battuta. Musetti al servizio, nell’ultimo gioco del secondo set, regala il primo punto all’Italia nella sfida contro la Croazia.

BERRETTINI – CORIC 6(4)-7, 6-2, 6-1

Matteo Berrettini soffre un po’ di più rispetto al match del connazionale Musetti, ma alla fine dopo più di due ore di battaglia porta a casa il successo contro Borna Coric con il punteggio di 6(4)-7, 6-2, 6- 1. Un primo set in cui l’azzurro parte contratto e teso, al contrario il croato gioca sciolto costringendo Matteo a qualche colpo in più. Il tennista romano soffre marialza la testa e vince di prepotenza l’ottavo gioco, riportando in parita la sfida. Coric si porta sul 6-5 e Berrettini manda il primo parziale al tie break, tenendo la battuta a zero. Il campione del Queens rimonta da 6-2 a 6-4 poi cede il primo set al croato. L’azzurro reagisce nel secondo parziale e dimostra tutta la sua forza, mettendo Coric in difficoltà nella risposta. Sul 4-1 a favore del romano, il croato non demorde e si porta a -2. Berrettini non cede di più, rafforzando il vantaggio e chiude con un netto 6-2. Il terzo set parte con qualche brivido per l’Italia, ma il numero 15 al mondo è bravo a tenere alta la concentrazione e si porta sul 4-1. Berrettini non sbaglia e chiude con un ottimo turno di servizio, consegnando all’Italia il primo punto in questa Coppa Davis.

FOGNINI/BOLELLI – MEKTIC/PAVIC 3-6, 7-5, 7-6(3)

Tre su tre. Il doppio azzurro formato da Fabio Fognini e Simone Bolelli trionfa in tre set 3-6, 7-5, 7-6(3) contro quella composta da Nikola Mektic e Mate Pavic. Inizia senza troppe difficoltà il match al servizio dei croati, bravi gli azzurri a rispondere e rimanere in gioco nel secondo game. Le due errori non commettono sui turni di battuta e prolungano questo parziale in parita 3-3. Nell’ottavo game é Mektic a rompere l’equilibrio e croati che si aggiudicano il primo parziale per 6-3. Il secondo set sembra la fotocopia di quello precedente, con la coppia tricolore che, però, va in vantaggio sul 4-3. Croati che non mollano e restano incollati al duo italiano. Con un doppio fallo di Mektic, Fognini-Bolelli volano al terzo set trionfando 7-5. L’ultimo parziale inizia con gli azzurri avanti 1-0, con i finalisti di Wimbledon in difficoltà. Il duo composto da Fognini e Bolelli è in fiducia e grazie a un servizio vincente allunga, nel quinto gioco sul 4-1. Controbreak di Mektic e Pavic, con gli italiani che fanno un passaggio a vuoto permettendo agli ex numero uno al mondo di riportarsi sul 4-4. Croazia che salva quattro match point e porta la partita al tie-break. Qui partono bene Fognini e Bolelli che dominano e chiudono sul 7-6(3).

Leave a Comment

Your email address will not be published.