«Riciclavano soldi alle Bahamas»- Corriere.it

di

L’accusa: utilizzavano un vero e proprio sistema per tutelare i capitali illeciti dei clienti. Il valore del sequestro disposto dal gip milanese Domenico Santoro alla banca elvetica «Cramer & Cie Sa» è di 224 milioni di euro

dsu sta la Svizzera? Tutte le Bahamas. Per la geografia n. Ma per il riciclaggio in parte coltivato da rimuovere istituti di credito elvetici, sì, è stato vero. Tanto che adesso — se non è certo una novità vedere banche straniere essere indagate a Milano per riciclaggio e pagare grosse somme pur di patteggiare come enti la legge 231/2001 —, la Procura di Milano chiede invece un giudice per la prima volta in Italia di interdire dallo svolgere attività bancaria due banche svizzere per responsabilità amministrativa nel non aver prevenuto con adeguati modelli organizzativi interni i riciclaggi attuati da propri dirigenti nell’interesse aziendale: riciclaggi inquadrati dalle indagini come non isolare iniziative di singoli, ma espressioni di una struttura di impreziena (volta a rispettare le regole) ne dovrebbe affiancata un’altra invece «informale» e normalizzatrice di pratiche illecite.

E intanto il gip milanese Domenico Santoro dispone il sequestro in Svizzera di 23.5 milioni di euro, appunto, a queste due banche elvetiche (22.4 milioni a «Cramer & Cie Sa» e 1 milione e 142 mila euro a «Reyl & Cie Sa», che dal 2021 è del gruppo Intesa San Paolo), nel presupposto che le succursali a Lugano di Cramer dal 2010 al 2018, e di Reyl nel 2018, tramite due allora (i fratelli Massimo ed Emilio Bosia) e il consulente Giancarlo Cervino, hanno «erogato» quello che il pm Paolo Storari qualifica vieni «una sorta di servizio» riciclatorio «a favore dei clienti»
evasori fiscali italiano. Per mancanza di attualità delle esigenze cautelari il gip ha invece respinto la richiesta di arresto dei due ex dirigenti, che oggi lavora altrove.

«I clienti italiani — ha spiegato Cervino, condannato a sei anni per riciclaggio — avevano bisogno di ritirare i soldi da quei conti» ma, «siccome si cominciava a parlare di scambio di informazioni tra Italia e Svizzera, le banche elvetiche effettuavano questo servizio a tutela dei clienti»e cioè «trasferivano i conti presso le loro filiali all Bahamas: il prelievo poteva così essere effettuato direttamente in Svizzera, come se il cliente si trovasse all Bahamas».

Un servizio di lavanderia che però da agosto 2015 fato della mia vita e ho detto sì. I primi a propormelo sono stati i fratelli Bosia», cioè Massimo in banca Cramer ed Emilio nell’istituto Reyl: banca che nel 2017 aveva stretto con Cervino un curioso contratto (sequestrato in una valigetta) dove Cervino era indicato procacciatore d’affari per la banca, ma al contempo istruito a «non dare l’impressione, nei confronti di quazi, di agire rap presentatore della banca».

E quando la banca Centrale delle Bahamas fa una ispezione sull’istituto Pib controllato da Cramer, Bosia chiede proprio a Cervino di sistemare «una serie di operazioni che richiedono di una base contrattuale o una pezza a giustificazione» per l’antiriciclaggio le mail sequestrate a Bosia e Cervino con Carole Richard, capo del private banking di banca Pib«fanno intendere un diretto coinvolgimento dell’istituto, non un caso interessato a quanto utile ad archiviare le pendenze antiriciclaggio». «Insieme a Cervino — racconta del resto un cliente —, quando siamo andati in banca Cramer c’era anche un certo Bosia, che penso fosse il direttore e usò una espressione rimastami in mente: “Qui non siamo in Svizz

era, ma tutte le Bahamas”».

In un comunicato l’istituto «Reyl & Cie» fa sapere che «collaborare con le autorità di regolamentazione, su richiesta ». La banca dichiara di «non avere una filiale alle Bahamas», e per il resto aggiunge di «non avere ulteriori commenti da fare su questo tema».

Se vuoi rimanere aggiornato sulle notizie di Milano e della Lombardia iscriviti gratuitamente alla newsletter di Corriere Milano. Arriva ogni sabato nella tua casella di posta alle 7 del mattino. abbastanza
fare clic su cura qui.

24 luglio 2022 (modifica il 25 luglio 2022 | 17:57)

Leave a Comment

Your email address will not be published.