Super bonus 110% e blocco dei crediti edilizi: 4 proposte di modifica

Nell’attesa che venga eletto un nuovo Parlamento e si formi un nuovo Governo intervenire, quali prospettive ci sono per sul superbonus 110% e sul meccanismo di cessione crediti dei edilizi, inceppato a seguito delle modifiche argerivate arrivate il genna 4/2022 (Decreto Sostegniter)?

Gli affari correnti di un governo dimissionario

una delle domande che arrivano più in redazione negli ultimi giorni e sulla quale abbiamo già formulato diverse ipotesi che partono, necessariamente, dal potere normativo risiede in un governo dimissionario e in un Parlamento depotenziato.

La strada, in realtà è stata tracciata dallo stesso Presidente de Consiglio Mario Draghi che in una
lettera ai suoi ministeri
ha parlato degli “affari correnti” e dell’attività normativa che, com’era già evidente, si concluderà con l’esame di nuovi decreti legge, leggi regionali ei disegni di legge imposti da obblighi internazionali e comunitari, compresi quelliazioneti del PNRR e del PNC.

Mai una sola volta il Presidente del Consiglio cita le problematiche che sta vivendo il comparto delle costruzioni a seguito del blocco della cessione dei crediti edilizi che sta spazzando via 2 anni di ripresa economica. Ma è anche vero che nel suo ultimo discorso al Senato Draghi ha riconosciuto (prescindendo dalle responsabilità che ha fatto ricadere al precedente Governo) l’esistenza di un problema che è necessario risolvere per “far uscire dal pasticcio quelle migliaia di imprese che si trovano in difficoltà“.

Le possibilità per intervenire ci sono come dimostrano le dichiarazioni del Presidente della Repubblica dopo la firma del decreto di scioglimento delle Camere: “nono – chiarisce il Presidente Sergio Mattarella – che Governo, con lo scioglimento delle Camere e la partecipazione di nuove elezioni, incontra il convocazione nella sua attività. Dispone comunque di strumenti per intervenire sulle esigenze presenti e su quelle che si presenteranno nei mesi che intercorrono tra la decisione di oggi e l’insediamento del nuovo Governo che sarà determinato dal voto degli elettori. Ho il dovere di che il periodo che attraversiamo non pause negli interventi indispensabili per impedire gli effetti della crisi economica e sociale e, in particolare, dell’aumento dell’ attraversiamo de che provoca soprattutarien dal costo dell’o de la costo conseguenze pesanti per le famiglie e per le imprese“.

io numerico

E come fare per uscire da questo pantano creato dalle tortuosità legato al meccanismo di cessione dei crediti edilizi? Intanto, occorre fare il più classico dei “mea culpa” (molto difficile oggi) e capire perché si è arrivati ​​​​a questo punto.

Nel suo discorso, scaricabarile a parte, Draghi ha detto una cosa sacrosanta: c’è stato un errore a monte quando è stato disegnato il meccanismo di cessione dei crediti edili estendezindolo in maniera indiscriminata a bonus che non avevano alcun controllo. Sul bonus facciate e l’ecobonus ordinario, nei primi due anni di applicazione del Decreto Rilancio e fino al 12 novembre 2021, sono state register una quantità di frodi senza precedenti.

Già a febbraio 2022, quando il direttore dell’Agenzia delle Entrate in audizione al Senato sul disegno di legge di conversione del Decreto Sostegni-Ter ha illustrato i dati relativi ai bonus fiscali, rilevò:

  • 4.787.653 comunicazioni di cessione o sconto in fattura;
  • 38,4 miliardi per euro per detrazioni cedute;
  • 4,4 miliardi in euro di crediti inesistenti.

Il Direttore dell’Agenzia delle Entrate non si è fermato a quest’ultimo dato, evidenziando nel dettaglio la suddivisione di questi crediti inesistenti:

  • bonus facciate 46%;
  • ecobonus 34%;
  • bonus affitti 9%;
  • bonus sisma 8%;
  • super bonus 3%.

Numeri che dovrebbero essere analizzati per trovare una soluzione chirurgica che tamponasse l’emorragia senza amputare l’arto. Soluzione che, in effetti, era già stata trovata con il Decreto Legge n. 157/2021 (Decreto antifrodi) con l’esttensione a tutti bonus utilizzati con le opzioni alternative:

  • del visto di conformità;
  • dell’asseverazione di congruita delle spese sostenute.

Lo stesso accento sulla responsabilità solidale dei cessionari ha acceso un faro su dei controlli che prima né Poste Italiane né Cassa depositi e prestiti effettuava.

Lo sviluppo economico

Partendo da questa evidenza, si dovrebbe riconoscere che superbonus e piacere cessione dei crediti edilizi possono non dal punto di vista tecnico, ma non vi è dubbio che siano state delle misure trasversali che hanno interzaolazionetta.

Dati probatori sono quelli dell’utilizzo del superbonus fino a giugno 2022, ovvero 38,7 miliardi di euro che vengono riportati in uno studio recente dell’Istituto di ricerca Nomisma hanno generato 124,8 miliardi di euro di cui:

  • 56,1 miliardi come effetto diretto – la spesa aggiuntiva in superbonus genera produzione una nel settore delle costruzioni ed in tutti i settori che devono attivarsi per produrre semilavorati, prodotti intermedi e servizi necessari;
  • 25,3 miliardi come effetto indiretto – ogni settore attivato direttamente ne attiva altri in modo indiretto;
  • 43,4 miliardi come effetto indotto – le produzioni dirette e indirette remunerano il fattore lavoro con redditi che alimentano una spesa in consumi finali che a sua volte richiede maggiori produzioni;

Una misura che, come riportano le stime dell’Associazione Nazionale Costruttori Edili (ANCE)prendendo in considerazione la sola spesa in manoopera e materiali, determina per ogni miliardo di euro speso dallo Stato 470 milioni di maggiori entrate, 530 milioni di euro sarebbe il costo effettivo dello Stato senzaiare consideregli sendtotto il super bonus ad oggi ha determinato:

  • 410.000 occupati nel settore delle costruzioni;
  • 224.000 occupati nei settori colleghi.

Le soluzioni per il superbonus e lo sblocco dei crediti edilizi

Ciò premesso, l’strada è la pubblicazione immediata di un nuovo provvedimento d’urgenzando che entro domani si potranno emanare Decreti Legge da ricordare entro il 24 settembre 2022. dei crediti.

La prima soluzione potrebbe essere quella di abrogare l’art. 57, comma 3 del recente Decreto Legge n. 50/2022 (Decreto Aiuti), affinché le possibilità date alle banche di cedere il credito a tutti i loro clienti con partita IVA, riguardino tutti i crediti presenti sulla piattaforma dell’Agenzia delle Entrate e non solo quelli dopo l’1 maggio 2022

Una seconda proposta potrebbe essere quella di riconoscere alcuni “piccoli” errori di formulazione degli orizzonti temporali di utilizzo del superbonus, soprattutto quelli che riguardano gli edifici unifamiliari. L’attuale formulazione dell’art. 119, comma 8-bis del Decreto Legge n. 34/2020 (Decreto Rilancio) non consenti di avere certezze a chi ha deciso di intraprendere un intervento di superbonus dopo il 30 giugno 2022. Una possibilità potrebbe essere quella di eliminare proprio la percentuale del 30% da settembre direttamente 2022 e date di scadenza al 31 dicembre 2022.

Una terza soluzione dovrebbe consentire alle partite IVA più tempo per comunicare la cessione dei crediti (al momento fissata al 15 ottobre 2022). Soluzione che darebbe più respiro a chi vive negli ultimi mesi con l’acqua alla gola.

Ultima proposta, quella che prediligo da sempre, è la redazione di un testo unico delle detrazioni fiscali in edilizia che in un unico testo normativo definisca in maniera strutturale:

  • aliquote di base;
  • beneficiari;
  • requisiti di accesso;
  • requisiti minimi finali:
  • limite massimo di spesa ammissibile in detrazione;
  • respiro pimenti;
  • modalità di pagamento;
  • modalità di fruizione del credito fiscale;
  • opzioni alternative;

affidando dei booster dell’aliquota base a degli interventi normativi (Legge di Bilancio) con orizzonti minimi di 5 anni. Soluzione che consentirebbe una attenta pianificazione degli interventi, della spesa e darebbe maggiore ad un comparto sempre più in cerca d’autore.

Leave a Comment

Your email address will not be published.