Superenalotto, vincere con i numeri della Regina: lo stanno facendo tutti

La morte rappresenta certo una tragedia unica, su questo non vi è alcun dubbio. Alcune volte però tutto prende una piega molto diversa.

Lo scenario che attualmente riguarda molto da vicino la Gran Bretagna ed il mondo tutto, in un certo senso, è di quello di profondo lutto per la morte della sovrana britannica Elisabetta II, dopo settant’anni di regno. Una figura che fatto parte di tutta la vita di milioni e milioni di cittadini di ogni parte del mondo. Una perdita che segnerà per sempre l’attuale momento storico e l’immediato futuro.

superenalotto regioni fortunate
adobe

Un evento tragico come la morte di una sovrana, 96enne, amata e stimata in ogni angolo del paese, può trasformarsi un po’ per sovvertire certe naturali dinamiche, almeno con l’intenzione, un po’ per spirito dissacrante, trasformarsi in ben altro. L’occasione, per l’appuntamento per provare a mettere in pratica la grande tradizione dei numeri. Questo è tutto, la smorfia napoletana, è di questo che si parla. Nient’altro. Gli esperti, per cosi dire, si sono subito messi al lavoro.

Una sorta di miccia esplosa all’istantedal momento della notizia della morte della sovrana d’Inghilterra si è subito partiti alla ricerca della giusta combinazione di numeri da giocare al Lotto ma anche chiaramente al Superenalotto. Uno scenario molto particolare, di quelli che di solito non appartengono agli usi ed i costumi di tutti i paesi del mondo. In alcune zone del nostro paese la cosa e subito partita, passando sopra ogni cosa. Quanto vale in numeri quest’evento?

La combinazione per quanti studiano nei dettagli le stesse dinamiche suggerite dalla smorfia napoletana non è stata complicata da trovare, non più di tante altre. Una soluzione ad una richiesta esplicita, perchè in certa località la c’è bisogno di tirar fuori i numeri da ogni cosa. Niente è immune dall’essere in qualche modo decifrato, scannerizzato in base a quelli che sono i dettami dei novanta numeri che la smorfia mescola e rimescola a proprio piacimento.

Regina Elisabetta, la morte è solo un numero: la combinazione vincente per l’occasione

Elisabetta II
ragnatela

L’operazione in parata “London Bridge is Down” scattata nel momento esatto del decesso della tanto amata sovrana ha portato, così come annunciato, ad una serie di dinamiche. Tra queste di individuare il prima possibile i numeri più adatti da giocare al Lotto o al Superenalotto in vista delle successive estrazioni. Detto fatto, gli esperti di Napoli e dintorni si sono messi al lavoro per uscire fuori la migliore delle interpretazioni possibili.

Si parte dal numero 6, che nella smorfia identifica sia il ponte che la città di Londra, per l’appunto il nome dell’operazione “London Bridge”. Il numero 73, che rappresenta la regina, l’85 che rappresenta il decesso della donna ed infine il 55 che definizione il lutto. Altri identificativi numerici sono inoltre il 24 che rappresenta la regina di Scozia, 70 gli anni del regno di Elisabetta II ed infine 8-9-22, o meglio la data del decesso. Tutto nei minimi dettagli insomma, tutto calcolato per dare vita alla migliore delle combinazioni possibili.

Lotto e soprattutto Superenalotto per sfidare la sorte ed offfrire al cittadino la possibilità di sentirsi più che mai vicino a quella che speranza ogni settimana si prova ad accarezzare. Il montepremi del Superenalotto con i suoi 260 e passa milioni di euro appare oggi come più che mai irraggiungibile. Niente di previsto, niente di immaginato, una somma di denaro troppo alta per venire anche soltanto ipotizzata.

Entra nel gruppo quote di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno notizie gratuite su preventivo di lavoro ed economia

  1. Telegramma – Gruppo
  2. Facebook – Gruppo

Il lutto della famiglia reale inglese e di un intero popolo come potenziale strumento per arrivare alla vetta. Vincere con i numeri della morte della regina per strappare il montepremi più alto della storia. Il Superenalotto è ormai entrato nella testa degli italiani e iniziare ne uscirà, almeno a breve.

Leave a Comment

Your email address will not be published.