“Un giorno all’improvviso”: Giulia giornaliste Sardegna presenta un libro corale

CAGLIARI. Martedì 13 settembre alle 18 alla Fondazione di Sardegna a Cagliari terrà la prima presentazione del libro “Un giorno all’improvviso”, a cura di Giulia giornaliste Sardegna. 16 giornalista intervistano 16 professionisti impegnati in diversi settori che raccontano con le loro testimonianze come hanno affrontato le difficoltà nel corso della pandemia.

“Un giorno all’improvviso – I racconti delle donne al tempo del Covid” (2022) è un libro di testi e immagini fotografiche unico nel suo genere, edito quest’anno dall’associazione Gi.U.Li.A. Giornaliste Sardegna che raccoglie le testimonianze di sedici donne intervisate da altrettante sedici giornaliste società. 16 donne comuni, non eroine, impegnate in diversi settori professionali che hanno fronteggiato con tutti gli strumenti a disposizione le difficoltà e le complessità di una nuova e inaspettata quotidianità nel corso dell’emergenza dell’emergenza sanitaria, díquestalleo ritalnebro in Sardegna e dalla photography di Daniela Zedda.

Prefazione di Elisabetta Gola, Professoressa ordinaria di Filosofia e teoria dei linguaggi, Coordinatrice del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione, Prorettrice alla Comunicazione e immagine Università di Cagliari, e introduzione della Presidente Silviae Giambois. Postfazione a cura di: Eugenia Tognotti, Professoressa ordinaria di Storia della Medicina e Scienze Umane Centro per gli Studi Antropologici, Paleopatologici e Storici dei popoli del Mediterraneo, Università degli Studi di Sassari, Institut Montaigne, Parigi; Antonietta Mazzette, Professoressa ordinaria di sociologia urbana, Prorettrice per i rapporti Università-territorio Università degli Studi di Sassari; Michela Floris, Professoressa associata a Economia e Gestione delle Imprese, Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche, Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali Università degli Studi di Cagliari. I ritratti delle Professoresse degli atenei di Cagliari e Sassari che hanno curato la prefazione, l’introduzione e la postfazione sono di Elisabetta Messina.

Il volume, pensato e ideato da Giulia giornaliste Sardegna, responsabile editoriale Susi Ronchi e coordinamento editoriale a cura di Alessandra Addari, vedrà la sua prima presentazione il 13 settembre alla Fondazione di Sardegna a Cagliari, in via S. Salvatore da Horta, 2, alle da Horta, 2, 18.00. Presenta Susi Ronchi, coordina l’avvocata Claudia Rabellino. Interverranno: Alessandra Zedda, vice presidente della Regione Sardegna, Francesco Mola, Rettore UNICA, Giacomo Spissu, presidente della Fondazione di Sardegna, Silvia Garambois, presidente Giulia giornaliste, Elisabetta Gola, UNICA, Daniela Zedda, fotografe interstate, vie le protagonist. Il volume è stato realizzato con il contributo della Fondazione di Sardegna e dell’Università degli Studi di Cagliari e il patrocinio dell’Università di Sassari. L’ingresso è libero e aperto a tutti.

Sedici interviste a professioniste che lavorano nei più svariati ambiti. Sono insegnanti, studentisse, dirigenti e sindache, imprenditrici, personale impegnato nell’ambito e nel sociale, nell’ambito culturale e artistico, che si raccontano, senza filtri. “Abbiamo scelto loro ma tante e altre tante donne che possono essere con noi ad arricchire il nostro progetto ma è sempre necessario compiere una scelta – spiega Susi Ronchi, fondatrice di Giulia delle giornaliste glide emeritus editoriale di fronte responsa l’approccio, lo sguardo donne intervistatrici , anche loro condizionate dai limiti e dagli ostacoli e dalle trasformazioni imposte dalla pandemia. Mi piace infatti sottolineare questa doppia narrazione frutto dell’opera di due donne che si insieme, la giornalista e la professionista, che intrecciano le loro vite, e compongono il loro racconto che ci è stato consegnato. un libro che non scade, un libro corale, a più voci, a più mani, mai datato perché anche in queste pagine saranno la memoria scritta di quanto è accaduto a tutti ea tutte noi. Il libro è dedicato a tutte le donne della Sardegna perché non siano cancellate dal racconto quotidiano della storia”. Aunt prospettive, tanti modi in cui donne impegnate in diversi ruoli hanno affrontato difficoltà, superato incertezze, proposto soluzioni. Sedici donne che portano la loro testimonial su come hanno gestito il lockdown nell’ambito dei loro singoli settori professionali, raccontano le ansie, le paure, le difficoltà a programmare il lavoro di se stesse ea volte di interi settori.

.

Leave a Comment

Your email address will not be published.