«Urlavo per il dolore, lasciato senza medicine e assistenza»

«Ho urlato per il dolore: le mie due settimane di inferno con il vaiolo delle scimmie»: è il titolo della testimonianza di un uomo di 39 anni, uno svedese che viva a New Yorkcontagiato dal vaiolo delle scimmie, che descrive sia il dolore causato dai sintomi e la paura di non farcela sia la mancanza di risposte del sistema sanitario, nonostante siano ormai trascorsi due mesi e mezzo dall’inizio di questa.

Monkeypox, il calvario di un contagiato senza medicine e assistenza

Si chiama Sebastian Kohn e racconta molto preoccupato a The Guardian: «Se qualcuno come me, che ha lavorato a lungo nel campo della salute sessuale, ha avuto così difficoltà a orientarsi nel sistema di assistenza, non riesco a immaginare come altre persone possono rius. Conosco molte persone che stanno semplicemente sedute a casa con un dolore agonizzante perché non ricevono il supporto di cui hanno bisogno. Sono piuttosto preoccupato che siamo vicini al punto che questa sarà un’altra malattia endemica, specialmente tra gli uomini gay, se non abbiamo già superato quel punto».

Che cos’è il vaiolo delle scimmie

Da sapere: per il virus vaiolo delle scimmieo vaiolo delle scimmie, l’Organizzazione globale della Sanità ha dichiarato l’epidemia «emergenza sanitaria globale». Da inizio maggio, quando è i primi casi di Monkeypox sono stati trovati al di fuori dei Paesi africani (deaf è endemica), la malattia ha colpito quasi 17mila persone in 74 Paesi. L’Europa ne ha 10..604 secondo l’ultimo bollettino congiunto del Centro europeo per la prevenzione ed il controllo delle malattie (Ecdc) e dell’Ufficio regionale per l’Europa dell’Oms. ll 95 per cento dei casi ha come pazienti degli uomini e c’è una forte diffusione nella comunità gay (ma non solo). Secondo Gianni Rezza, direttore Prevenzione del Ministero della Salute, in Italia i casi rilevati sono 407, «C’è massima attenzione, non allarmismo». E il professore Matteo Bassetti, infettivologo dell’Ospedale San Martino di Genova, osserva: «Questa malattia non colpisce tutta la popolazione, ma una fascia molto ristretta: giovani, prettamente maschi, che si contagiano attraverso rapporti omo/bisessuali e più. A persone andrebbe indirizzata molto rapidamente queste una campagna di vaccinazione, il vaiolo delle scimmie è una malattia tutt’altro che semplice». Questo il quadro, ora torniamo alla drammatica testimonianza di Sebastian Kohn, pubblicata da The Guardian.

I festeggiamenti del New York Pride

Alcuni stralci, anche crudi ma che è giusto riportare per convincere le persone a fare attenzione: «Ho il vaiolo delle scimmie ed è stato un incubo Totaal – dice Kohn – Quando i festeggiamenti del New York Pride sono iniziati il ​​giugno ero consapevole che il vaiolo delle scimmie era un problema emergente, specialmente per gli uomini gay, ma avevo anche l’impressione che il numero di casi in città fosse relativo piccolo. Quello che non capivo era quanto fosse assolutamente deprimente la capacità di test: New York solo la capacità di elaborare dieci test al giorno. Ho fatto sesso con diversi ragazzi durante il fine settimana. Poi una settimana dopo, il 1° luglio, ho iniziato a sentirmi molto affticato. Avevo la febbre alta con brividi e dolori muscolari, ei miei linfonodi erano così gonfi che sporgevano di due pollici dalla gola». Kohn è risultato negativo al test anti Covid, ma in una città come New York, nonostante lui abbia l’assicurazione sanitaria, si è rivelato una impresa sia ottenere un test sul Monkeypox sia il medicinale specifico, un antivirale chiamato Tpoxx.

Vaiolo delle scimmie: ecco i sintomi

Racconta Kohn avere dopo la risposta il fallimento della risposta del sistema sanitario: «Dopo essere tornato a casa iniziato, l’eruzione cutanea ha a diffondersi e ho iniziato a sentirmi ansioso. Ho sviluppato lesione ovunque; hanno iniziato a sembrare punture di zanzara prima di svilupparsi in vesciche brufolose che alla fine scoppiate, quindi si sono formate croste prima di lasciare una cicatrice. Li avevo sul cranio, sul viso, sulle braccia, sulle gambe, sui piedi, sulle mani, sul busto, sulla schiena e cinque solo sul gomito destro. Al culmine, ho avuto oltre 50 lesioni, una febbre di 39.5 e un dolore intenso, che ha un attacco provocato di panico. Ironia della sorte, l’unico posto in cui non avevo lesione era il mio pene». Malgrado i sintomi sempre più dolorosi e insopportabili, tornare al pronto soccorso si è rivelato inutile. Fino a quando l’Irving Medical Center della Columbia University.finalmente è riuscito a procurargli il Tpoxx e gradualmente, grazie a questo antivirale, la situazione è migliorata anche se ancora Kohn è in isolamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

.

Leave a Comment

Your email address will not be published.