Usa, UK ed Eurozona entreranno in recessione nel 2023 Da Investing.com


© Reuters.

Investing – In tutto il mondo i tassi stanno aumentando a un ritmo allarmante. E’ l’alba di un nuovo regime monetario e di mercato: il ha alzato di 75 punti portando i Fed Fund al 2,25%-2,5%; in Europa, la ha alzato tutti i principali tassi ponendo fine a otto anni di tassi negativi; e anche ha sorpreso il mercato alzando più del previsto.

Azad Zangana, Senior European Economist e Strategist di Schroder PLC (LON:), sottolinea che l’era dei tassi zero o negativi è finita con un cambio di regime definitivo, che ha aperto una nuova era. Gli investitori più esperti potrebbero vedere un ritorno a tempi più normali, simili al periodo precedente la crisi del 2008, ma questo è ancora tutto da vedere.

Secondo Zangana il paragone più appropriato potrebbe essere quello con la stagflazione sperimentata tra fine degli anni ’70 e inizio degli ’80. Nel 2023 Secondo l’esperto di Schroders il nuovo regime implica l’aspettativa che nel corso del prossimo anno le economie di USA, Regno Unito ed Eurozona entreranno in recessione, con un calo significativo della produzione, mentre le prospettive per l’economia globale cup .

L’attuale situazione è una delle maggiori preoccupazioni per le famiglie finanziarie in riferimento alla propria situazione. I politici stanno scoprendo di non essere immuni da colpe, poiché gli elettori, abituati agli aiuti nei periodi di difficoltà, ora si aspettano nuovi sostegni.

Con le banche che cercano di domare l’ centrali, la politica monetaria è limitata, e lascia ai governi il compito di affettare il dolore della spirale inflattiva, ove possibile. Nel Regno Unito le bollette sono destinate a triplicare in soli due anni, l’Europa sta affrontando una crisi ancora più acuta, ei governi stanno cercando di trovare il modo di aiutare le famiglie. Per questo, secondo Zangana, l’economia globale rischia l’anno peggiore dal 2009.

Nelle nuove previsioni di base di Schroders la crescita mentre è stata nettamente ridotta, con recessioni ora previste per USA, Eurozona e Regno, Unito anche la maggior parte dei Mercati Emergenti registrerà un calo della crescita. La storica pandemia casa londinese si aspetta che la crescita globale rallenti dal 5.9% al 2.6% quest’anno per poi scendere all’1.5% nel 2023. Se si esclude il periodo della di Covid, sarebbe appunto l’anno peggiore per l’economia globale dal 2009.

Schroders ha anche rivisto al ribasso la crescita USA dal 2.6% di maggio all’1.7% per il 2022, nettamente sotto le aspettative del mercato del 2.1%, principalmente per le sue previsioni di un’amore più elevata, all’8% as of il 2022 controllo precedente 6,9%, e interventi più aggressivi sui tassi dei Fed Fund. La Fed modererà il ritmo dei rialzi, ma i tassi raggiungeranno il 4% all’inizio del 2023.

Secondo Zangana, tassi più elevati, spesa pubblica meno generosa e alta . Schroder’s prevede che l’inasprimento delle politiche sia abbastanza severo da far salire la disoccupazione, condizione necessaria non solo per un calo della domanda, ma anche per un allentamento delle pressioni inflazionistiche.

Di qui la previsione che l’economia USA entrerà in recessione nei tre primi trimestri del 2023, con una contrazione dell’1.9%, prima di tornare a crescere, implicando un -1.1% per tutto il 2023, consenso al mar un +1 %. A differenza degli USA, la recessione europea sarà causata dall’impennata dei costi energetici legati alla guerra in Ucraina. Il Regno Unito sembra collocarsi a metà strada, perché il caro energia colpirà le famiglie con un certo ritardo per il tetto ai prezzi imposto dal governo.

Questo articolo è stato scritto in esclusiva da Financialounge.com per Investing.com. Ogni “Vista del mercato” propone interviste originali con case d’investimento sui temi centrali di mercato che verranno riportate esclusivamente sul nostro sito. Non sollecitazione, offerta, consulenza o raccomandazione all’investimento

Leave a Comment

Your email address will not be published.