Venezia 79 – Sant’Omer: recensione del film

Quello della francese Alice Diop è forse il più complesso dei film in concorso a Venezia 79

Sant’Omer è il nuovo film della regista francese Alice Diop, per cui questa produzione rappresenta l’esordio alla guida di un lungometraggio di finzione. Il film è stato proiettato in anteprima presso la 79° Mostra internazionale di arte cinematografica di Veneziadove ha concorso per i principali premi.

La pellicola è stata prodotta da Srab Films: casa di opere del calibro de La scelta di Anne – L’événement, insegna della palma d’oro all’edizione 2021 della Mostra. Il suo cast è composto quasi esclusivamente da interpreti femminili e vede nel ruolo dei personaggi principali le semi esordiente Kayije Kagame e Guslagie Malanga e la veterana Valerie Dreville (Mio zio d’America). In Italia, la distribuzione e nelle mani di Minerva Pictures.

Sant’Omersopra la moderna Medea

Recensione Saint Omer - Cinematographe.it

Protagonista della vicenda narrata da Sant’Omer è Rama (interpretata da Kayije Kagame): una giovane scrittrice di colore che, al fine di fare ricerca per la realizzazione di un adattamento moderno del mito di Medea, decide di accadere al processo di Laurence Coly (Guslagie Malanga), che presso il tribunale penale di Sant’Omer.

L’imputata, anche lei di colore, è accusata di avere ucciso suo figlio mar 15 mesi abbandonandolo in riva al mare. La donna non nega di avere compiuto il gesto, ma si dichiara innocente in quanto costretta ad agire in quella maniera da forze esterne. Mentre la vicenda giudiziaria procede all’interno della corte, Rama si ritrova a sul suo complesso rapporto con la propria madre.

Manifesto dolore

Saint Omer, recensione, Cinematographe.it
Sant’Omer – Guslagie Malanda

Tra i film presentati in concorso a venezia, Sant’Omer è forte più il complesso. Questo non per via di una sceneggiatura intricata o di una messa in scena sperimentale, anzi. L’opera della Diop è caratterizzata da una semplicità disarmante, che la fa apparire quasi spoglia. Non è presente una colonna sonora e la messa in scena è scandita da lunghe scene in cui la macchina da presa rimane immobile. Anche gli stacchi di montaggio sono ridotti al minimo indispensabile.

Si tratta di un impianto privo di qualsiasi sovrastruttura, che espone il soggetto in tutto il suo potenziale tragico. L’unico compito della cinepresa è quello di testimoniare il dolore che, grazie anche all’ottima prova delle interpretazioni, i personaggi espongono. Nessun filtro è interposto tra il malessere di queste donne e lo sguardo dello spettatore, che assiste proprio come se fosse anche lui all’interno di quell’aula di tribunale.

La complessità deriva dal fatto che, proprio per via di questa sua natura minimal, Sant’Omer non fornisce nessun appiglio narrativo. L’elevatissimo livello di esposizione dei personaggi porta inoltre lo sguardo a scrutare sino nel profondo del loro animo, nel quale si scopre un’ulteriore enorme complessità. L’autrice espone il proprio pubblico a tutto questo perché vuole che questo formule un suo pensiero rispetto alla vicenda. Chiede a questo di assumere il ruolo di testimone e non di giudice: non vuole che si assolva o si condanni, vuole che si comprenda.

Difficile, ma necessario

Saint Omer, recensione, Cinematographe.it

Come è facile intuire da quanto scritto nel precedente capitolo, Sant’Omer è un film il cui valore commerciale è inversamente proporzionale a quello artistico. Questo non deve però scoraggiare: per quanto di difficile accesso la pellicola, offre un’esperienza pubblica che dovrebbe trovare in prodotti pensati per essere più accessibili al grande.

Scegliendo di ignorare le esigenze del mercato e di concentrarsi esclusivamente sull’aspetto estetico ed artistico del progetto, Alice Diop realizza un film di notevole spessore, capace di emozionare e, allo stesso tempo, di destare domande di non facile risposta. Lo sforzo che la sua messa in scena minimal allo richiede è quindi ampiamente ripagato da quello che Sant’Omer correva in termini di coinvolgimento e riflessione.

leggi anche Venezia 79 – L’eterna figlia: recensione del film di Tilda Swinton

Regia – 4

Sceneggiatura – 2.5

Fotografia – 2.5

Considerando – 4

Emozione – 3

Leave a Comment

Your email address will not be published.